Di più su di me e su come lavoro

 

-Laureato in Medicina a Pisa nel ’79, con lode, si specializza in Psichiatria alla Cattolica di Roma nel ’84 (massimo dei voti).

-Ha completato il training decennale di formazione junghiano presso il Cipa (Centro Italiano di Psicologia Analitica), a Roma, nel 1989, la quale comprende oltre ad una lunga analisi personale anche una analisi didattica, la frequenza a seminari e corsi tematici integrati, la stesura di tesi scritte cliniche, teoriche, supervisioni di numerose ore con analisti più anziani.

-Ha  lavorato come psichiatra per molti anni in cliniche private (Belvedere Montello, Roma), ed in seguito come assistente di ruolo in ospedale, nei servizi di urgenza ospedalieri (SPDC) dell’OC di Terni, e dal 1989 svolge a tutt’oggi la sua attività presso l’ambulatorio di psichiatria della  Asl di Terni.

Ha ottenuto l’incarico di Professore a Contratto presso l’Università di Perugia, a titolo gratuito, per l’anno 93/94.

jung

-Svolge attività privata  come analista junghiano da molti anni. La base del lavoro clinico rimarrà sempre l’attenzione al transfert e soprattutto al controtransfert, l’analisi dei sogni e delle relazioni oggettuali, le difese, i simboli dell’individuazione.

-Pratica meditazione dal 1984, partendo dal buddismo tibetano (Norbu), seguendo il cammino spirituale di Yogananda (Kryia Yoga), ed infine approdando nell’Advaita. La pratica della meditazione lo porta a conoscere più profondamente la mente e sé stesso, e costituisce la base di percezione delle energie che si attivano e scorrono nei chakra del corpo sottile.

-Si interessa di astrologia dal 1984, inizialmente seguendo l’astrologia tropicale occidentale,  poi quella vedica siderale,integrando questa conoscenza con il suo studio e la pratica clinica dei disturbi mentali. Sviluppa una nuova visione della astrollogia, in cui l’interesse per il corpo sottile si fonde con quello per l’astrologia, nell’ottica che i pianeti siano i chakra e il tema astrale la rappresentazione grafica e simbolica del corpo sottile

dell’individuo.1

 

-Da molti anni si interessa e tiene gruppi  sulla Divina Commedia di Dante Alighieri, visto non solo come sommo poeta ma come maestro risvegliato. La Divina Commedia è letta secondo un approccio ancora nuovo per il mondo dantista. Il cammino è visto come il racconto del risveglio della coscienza, via diretta (la retta via), al contempo e paradossalmente espresso come percorso graduale interiore, di tale realizzazione, che si incarna nel tempo. Il percorso della via graduale attraversa tre fasi successive e contemporanee, laddove nell’Inferno si disidentifica dall’Ego (Lucifero), e consente così, nel Purgatorio, una purificazione nelle balze delle stelle di dentro, (chakra); ci descrive e condivide nel Paradiso gli stati di estasi e trascendenza che sperimenta, fino alla completa disidentificazione, nella candida rosa (fiore dei mille petali) del pellegrino, guidato ed accompagnato dal maestro e da Beatrice. Nella pratica della psicoterapia questo percorso interiore individuativo dell’anima viene visto come parallelo al percorso analitico trasformativo della coscienza nella terapia. 2

– Il lavoro clinico analitico e psichiatrico si modifica nel tempo, integrando questi percorsi apparentemente diversi e divenendo complesso e completo. Gradualmente si configura e diviene parte integrante dell’approccio clinico un metodo di lavoro diverso da quello psicoterapico tradizionale analitico o psichiatrico.

Da un a parte il suo interesse per il simbolismo e per l’esoterismo sono collegati a questa sua formazione psicologica e spirituale, come dicevano parlando della Divina Commedia come percorso individuativo, auto realizzativo, come traccia di lavoro. Dall’altra la pratica della meditazione e quella astrologica si integrano, nella clinica, con l’analisi del funzionamento mentale ed emotivo della psicoterapia, e questo sia sul piano intra psichico, sia nell’analisi delle proiezioni, ad esempio nelle relazioni e nei sogni.

tempesta di neve, Turner

 

All’interno di questo approccio complesso, inoltre, si stabilisce ed approfondisce un metodo di auto percezione energetico e coscienziale per il paziente, una pratica clinica di rilassamento profondo e di purificazione mentale. In questo approccio il paziente apprende facilmente a percepire, a sentire le variazioni quantitative e qualitative delle energie dei chakra, e a osservare coscientemente ed agevolare le loro trasformazioni, nell’ottica di fornire al paziente strumenti maggiori e responsabilizzarlo più attivamente nelle sue scelte.

 

In psichiatria l’impiego dei farmaci non è visto come negativo in un apporccio solamente organicistico, come spesso accade in ambito psicodinamico, né tuttavia viene assunto a intervento centrale e risolutore della fenomenologia psichiatrica del disagio mentale.

Esso viene considerato, se ben utilizzato ed accompagnato da una adeguato accompagnamento nella relazione di aiuto, come un modo di contenere ed accompagnare, di equilibrare gli eccessi energetici dell’energia del corpo sottile, o kundalini, durante il processo di risveglio o auto realizzazione; l’intervento psichiatrico e psicologico classico al contrario solitamente non fa che classificare ed tentare di spegnere tali sintomi considerati solamente patologici.

Oltre alla pratica individuale, ha lavorato con i gruppi; ed in particolare, dal 2011, ha approfondito la conoscenza e praticato le costellazioni familiari.3 Il metodo dei rappresentanti viene utilizzato non tanto sulle dinamiche della famiglia quanto sulla rappresentazione degli stati interiori, o talvolta utilizzato per vedere ed elaborare i livelli di coscienza coinvolti.4

Di base è lo stato di coscienza nella relazione di aiuto, il grado di risveglio, il fattore che modifica l’intervento e la filosofia stessa cella terapia, che giunge a superare la asimmetria iniziale dell’approccio tradizionale in terapia e riconoscere la unità dell’essere; un approccio, in terapia, consapevole del passaggio dal “me” al “”.

1 Corsi di astrologia presso il centro Yoga Ananda, su “Astrologia e Psicologia”, Astrologia e psicoterapia”, Astrologia ed Aurveda”. I corsi, tenuti più volte l’anno, comprendono una parte teorica ed una esperienziale. Corsi e conferenze ha tenuto più anni presso un analogo centro a Pisa. Corsi di astrologia privati, annuali, presso il centro yoga Amrita di Roma e presso i proprio studio.

2 Gruppi di studio sulla Divina Commedia, per più anni, sul significato del testo come guida interiore, come compendio del simbolismo gnostico, come trattato sugli stati di meditazione, come via clinica per la trasformazione e l’auto realizzazione, come trattato di astrologia esoterica: ha tenuto numerose conferenze sulla Divina Commedia presso sale pubbliche di Terni ed altrove, ad esempio nel maggio 2016 a Città di Castello (Dante maestro risvegliato).

3 Fondatore con la dr.ssa C. Cafaggi, e Presidente, della Associazione “Il Risveglio” . La Associazione svolge attività di costellazioni familiari e di vita, dal 2012 al 2016 a Terni ed a Roma ed a Città di Castello.

Attualmente la associazione è stata chiusa come attività, e rimane una pagina in cui sono riportate delle  attività con lo spirito con cui era stata avviata, per contributi di materiali  relativi a quell’approccio. Le attività di questa sezione ora sono solamente a nome di Claudio Maddaloni, e non più con il contributo o l’assenso della dr.ssa Cafaggi, per cui mi assumo interamente la responsabilità di tale  gestione.

4Vedi metodo del dr. W. Nelles sulla integrazione degli stati di coscienza, o LIP (lebens integration prozess).